PLS al Liceo Pepe - Memorie Magnetiche di Luciana Tanzarella

Memorie Magnetiche, nato nell'ambito del progetto PLS (Unisalento) è il lavoro presentato per il colloquio orale all'esame di Stato 2016/2017 da Luciana Tanzarella, studentessa diplomata con il massimo dei voti e la lode presso il Liceo Scientifico Pepe, premiata all'Università di Lecce per la sua ricerca. Il suo percorso, seguito dai docenti Salvatore Triarico e Piero De Falco, è stato particolarmente apprezzato dal prof. Andrea Ventura, Università del Salento, responsabile del progetto PLS, Piano Lauree Scientifiche.

Ecco una sintesi del lavoro:

Il lavoro consta di una prima sezione sperimentale, con dati ricavati dall’esperienza di laboratorio avvenuta presso l’Università del Salento durante il PLS (Piano Lauree Scientifiche), Laboratorio di Elettromagnetismo.

Attraverso numerosi contributi afferenti a più settori dello scibile umano, dalla bioetica al filosofo latino Seneca, dal CERN alla Fisica medica, ho potuto riprendere più attività da me svolte nel corso del ciclo di studi: ho ricevuto numerose possibilità per andare oltre le mura scolastiche, al fine di avere sempre un confronto con altre realtà, spesso differenti dalla mia.

Onore immenso l’aver lavorato con i dati rilevati direttamente al CERN, presso l’apparato ATLAS, durante la Masterclass: quale soddisfazione riuscire ad individuare il tipo di particella in base alla traccia lasciata nel rivelatore! Merito di quest’attività è stato anche l’avermi fatto comprendere nuovamente il valore del lavoro di squadra: non solo all’interno del proprio (e ristretto) gruppo di lavoro, ma all’interno della più vasta comunità scientifica.

Denominatore comune delle varie esperienza è il fatto di sentirsi parte di un gruppo così numeroso, la voglia di dimostrare di meritare ogni possibilità ottenuta, di dare il proprio contributo, aggiungendo quel quid che, come un buon ingranaggio, rende il meccanismo migliore.

Durante la giornata di condivisione delle esperienze dei vari laboratori del PLS, ho presentato al resto degli astanti il lavoro svolto nel corso dei pomeriggi a Lecce, nonostante i valori ottenuti si discostassero da quelli teorici: ciò mi ha insegnato a saper affrontare anche situazioni in cui i risultati sono differenti da ciò che teoricamente ci si aspetterebbe con tutte le implicazioni che ciò può avere anche, e soprattutto, nella vita quotidiana, esulando dal campo prettamente scientifico.

E infine l’esperienza che più mi ha affascinata, emozionata, appassionata: il viaggio presso Ginevra, alla volta del CERN e dell’ONU, un sogno che mi accompagnava da anni che si stava realizzando.

La scienza ci induce, dunque, ad andare oltre le Colonne d’Ercole della conoscenza: essa insegna che proprio nei momenti in cui la teoria sembra non combaciare con i dati empirici, in cui il “meccanismo” del gruppo sembra non funzionare, in cui il progresso sfida l’etica tradizionale e le concezioni comuni, per riprendere l’espressione del Sommo Poeta Dante Alighieri, “qui si parrà la tua nobilitate”. (Luciana Tanzarella)

 


Pubblicata il 21 settembre 2017

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.