Condividi

Attacchi di Tagul ovvero esercizi di creatività digitale

 

Tagul (sotto il titolo quello realizzato da Marta Pignatelli, 4B Pepe) è un generatore online di word art (già ampiamente recensito nel web) con il quale si possono creare word cloud. Lo strumento, il cui utilizzo è semplice e immediato, esercita un certo appeal sugli studenti. Quali possono essere le sue potenzialità nella didattica?

Bisogna cominciare a ragionare in termini di Syllabus integrati tra discipline, mettendo a sistema delle connessioni nuove tra materie, per esempio Lingua e Letteratura Italiana, Informatica e Disegno e Storia dell'Arte (il contesto è il Liceo Scientifico, ma è facilmente trasferibile ad altri contesti sia del secondo ciclo che del primo ciclo). Partiamo dalle Indicazioni Nazionali (DPR n. 89 del 20 marzo 2009):

Conoscere non è un processo meccanico, implica la scoperta di qualcosa che entra nell’orizzonte di senso della persona che “vede” , si “accorge”, “prova”, “verifica”, per capire.

E’ necessario che lo studente, nel suo percorso educativo per diventare un buon cittadino, sia abilitato ad utilizzare tutti gli strumenti a disposizione in un mondo moderno per formulare e realizzare il proprio progetto di vita. Gli studenti non sono (e non sono mai stati) a scuola per bere pozioni di nozioni. Non si può sostenere l’idea che la scuola sia un momento di sosta prima di entrare nella vita vera e imparare dall’esperienza.

La #buonascuola è quella che non lascia gli studenti da soli, ma li accompagna, che tradotto in questo momento significa impegnarsi a realizzare gli obiettivi del PNSD, in particolare l’azione #14 Un framework comune per le competenze digitali degli studenti. La polis, il comune medievale, la signoria:

ogni città ha avuto i suoi cittadini nel corso della Storia.

Il cittadino digitale è il cittadino delle nostre città. Certo, si tratta di un processo in fieri, ma deve essere governato a partire dalla scuola. Accogliere questa sfida metodologico-didattica presuppone la buona volontà di percorrere strade nuove e sollecitare i ragazzi a confrontarsi con strumenti digitali per organizzare il proprio metodo di studio.

 

DPR 89/09

DigComp 2.1 The Digital Competence Framework for Citizens

Area linguistica e comunicativa

Saper utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca, comunicare.

Area scientifica, matematica e tecnologica

Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento; comprendere la valenza metodologica dell’informatica nella formalizzazione e modellizzazione dei processi complessi e nell’individuazione di procedimenti risolutivi.  

Area 5

 

5.3 Creatively using digital technologies
To use digital tools and technologies to create knowledge and to innovate processes and products. To engage individually and collectively in cognitive processing to understand and resolve conceptual problems and problem situations in digital environments.

In questo contesto, si inserisce un digital tool come Tagul, capace di abilitare la connessione tra competenze storico-letterarie, abilità comunicative e grafiche, competenze digitali.

L’obiettivo è quello di liberare le potenzialità creative degli studenti in contesti solitamente “passivi”, legati a contenuti disciplinari che vengono appresi ma non “vissuti”. Contenuti, come il Barocco in letteratura italiana, che spesso restano in una dimensione lontana dallo studente (anche quando sono profondamente radicati nella cultura del proprio territorio, come accade per gli studenti del Salento).

Ecco la proposta.

Consegna

Dopo aver studiato i segni caratterizzanti dello stile barocco, organizza un elenco di parole-chiave e realizza una word cloud prestando particolare attenzione alla forma, ai colori e allo sfondo: tutto deve essere in linea con la sensibilità barocca!

Valutazione: originalità grafica (scelta del font, rapporto colori/sfondo, forma) e selezione appropriata dei termini.

PAOLA LISIMBERTI

 

 

 

 

 

 

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.