Condividi

Skill - ambienti di apprendimento (FESR)

Dal Rapporto di Autovalutazione 2014/2015 emergono in maniera chiara alcuni aspetti legati all’uso delle nuove tecnologie nella didattica, declinati sia come necessità di promuovere una riflessione condivisa dai docenti sui modelli metodologici che possano favorire l’innovazione nella didattica sia come emergenza educativa all’uso consapevole dello smartphone come strumento di lavoro, dei social network, delle chat, della navigazione. E’ evidente come gli aspetti qualitativi del sistema scolastico siano fortemente condizionati anche dalla qualità delle infrastrutture, ivi inclusi i laboratori didattici: il cambiamento indotto dalle ICT sembra non essere ancora così profondo nel settore scolastico come in altri settori, dal momento che le nuove tecnologie non sono ancora entrate pienamente nella pratica didattica.

L’obiettivo dell’Istituto “Pepe-Calamo” è quello di rispondere ai nuovi bisogni educativi degli utenti del territorio erogando un’offerta formativa allineata con gli obiettivi della Legge 107 e del Piano Nazionale Scuola Digitale, in particolare progettando quella “rivoluzione” dello spazio funzionale ad una pratica didattica esclusivamente laboratoriale: l’aula, in quanto “luogo abilitante e aperto”, si configura, quindi, come un ambiente flessibile e pienamente adeguato all’uso del digitale. In questi ultimi anni scolastici, infatti, l’Istituto ha investito in maniera significativa nell’innovazione didattica, collaborando con la Fondazione mondo Digitale alla realizzazione di progetti per l’educazione alle nuove tecnologie degli anziani (Progetto NonniSudInternet) e alla Rete Nazionale delle Palestre dell’Innovazione. Con i fondi FESR, presso la sede del Liceo Scientifico, è stata allestita un’aula di Robotica Educativa LEIS (Lego Education Innovation Studio).

 

Il progetto nasce dall’esigenza di creare ambienti di apprendimento flessibili in grado di coniugare le innovazioni tecnologiche con la metodologia collaborativa e laboratoriale, uno spazio di edutainment dedicato all’apprendimento e all’esercizio dell’autoconsapevolezza, del problem solving, del decision-making, del business modelling, ma anche ad attività di leadership, team building e motivazione.

Si tratta di ambienti polifunzionali, per sperimentare metodologie e strumenti innovativi, dove il docente fornisce gli stimoli per incentivare lo sviluppo delle competenze e gli studenti, divisi in gruppi, conducono una ricerca imparando a riconoscere gli strumenti di indagine e le diverse tipologie di fonti. In questo modo, si combatte il declino dell’interesse dei giovani nei confronti soprattutto delle discipline scientifiche e tecnologiche e si promuove la maturazione di skills for life ormai irrinunciabili in una fase di transizione verso il sistema educativo del 21° secolo. L’aula viene ripensata con un’architettura in grado di sfruttare le potenzialità comunicative, didattiche e sociali offerte dall’innovazione tecnologica, uno spazio dotato di arredi modulari e postazioni mobili per consentire lo svolgimento di attività diversificate per intere classi dell’istituto, per classi aperte, per piccoli gruppi. L’insegnante è il “facilitatore” in grado di progettare una didattica che dà centralità all’apprendimento dello studente, che valorizza le sue capacità relazionali e le sue conoscenze: ricerca personale e di gruppo, brainstorming, cooperative learning, peer education per vivere una didattica innovativa per la collaborazione, la ricerca, la riflessione, la costruzione e la condivisione della conoscenza.

Attualmente, nelle due sedi dell'Istituto, sono stati realizzati interventi di ottimizzazione della connessione e del potenziamento delle infrastrutture tecnologiche abilitanti per l'erogazione dei servizi didattici.

Questo consentirà, con la dotazione adeguata, di praticare una didattica 'aumentata' dalle nuove tecnologie e la sperimentazione di progetti didattici innovativi come la flipped classroom e il BYOD e quelli che favoriscono un approccio costruttivistico.

Per la sede del Liceo Classico è prevista la realizzazione di:

  1. Uno “spazio alternativo” dotato di arredi modulari, LIM, videoproiettore, notebook, Tablet PC, carrello di ricarica per Tablet, software per lezioni multimediali
  2. Una “postazione informatica” per l’accesso dell’utenza e del personale dotata di PC con monitor, tastiera e mouse, sistema di backup, sedia ergonomica

 

Per la sede del Liceo Scientifico è prevista la realizzazione di:

  1. Un’aula “aumentata” dalla tecnologia
  2. Una “postazione informatica” per l’accesso dell’utenza e del personale dotata di PC con monitor, tastiera e mouse, sistema di backup, sedia ergonomica

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.